Condividi:

Pavia Acque: fase conclusiva dell’aggregazione delle attività

Martedì, 20 Giugno 2017 - 7:33 Redazione Notizie

PAVIA – Lavori in corso per Pavia Acque anche sul fronte del rapporto con gli utenti. Nelle prossime settimane sono in programma una serie di attività che porteranno a una totale riorganizzazione delle procedure di sportello e, più in generale, di tutto ciò che riguarda la gestione degli utenti.

Nel giro di un mese saranno accentrate in un unico data base provinciale le anagrafiche e i dati dei contratti, adesso ancora frazionati perché provenienti dalle ex ASM.

adv-63

Questo consentirà di gestire in modo uniforme, su tutta la provincia, le attività di sportello, bollettazione, incasso e lettura dei contatori, grazie al passaggio a un nuovo software gestionale, strutturato in modo da rispondere anche alle previsioni introdotte dall’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas ed il Servizio Idrico in materia di qualità contrattuale. Ci aspettano quindi alcune settimane impegnative, perché dovranno essere fermate per blocchi le varie attività gestite dai sistemi informatici.

Si comincerà la prossima settimana, con una prima fusione di data base, unificando i dati degli utenti precedentemente gestiti da ASM Pavia, Amiacque, Acaop, AS Mare e ASM Voghera. Quindi sarà la volta, a luglio, dei dati gestiti da ASM Vigevano e CBL. Nella seconda metà di agosto, poi, approfittando del minore afflusso agli sportelli, si fermeranno le macchine per fare il cambio di programma, con l’obiettivo di riprendere le attività a inizio settembre, recuperare gli arretrati che si accumuleranno con tutte queste attività straordinarie e andare finalmente a regime.

Mesi caldi quindi per Pavia Acque, ma anche per gli utenti, che inevitabilmente risentiranno di queste attività e in particolare dei fermi macchina: verranno di fatto limitate le pratiche che potranno essere gestite dal personale di Pavia Acque.

Il primo fermo è previsto per la prossima settimanadal 20 al 30 giugno le attività degli sportelli di Pavia, Voghera, Stradella e Mortara saranno ridotte, perché gli operatori non avranno accesso ai sistemi informatici e dovranno quindi gestire manualmente le richieste degli utenti. Anche il call center, che supporta le attività di sportello, potrà fornire in quei giorni solo parte delle informazioni, e disporrà di dati non aggiornati, visto il fermo dei sistemi. Sul sito internet, per gli utenti che dispongono della funzionalità di Sportello online e di pagamento online delle bollette, fino al 3 luglio non sarà possibile operare. Si tratta insomma di una sospensione che va a interessare tutti i canali di rapporto con gli utenti. Per questo, consigliamo di rimandare le pratiche non urgenti al mese di luglio, quando i sistemi saranno nuovamente funzionanti, fatte salve possibili interruzioni temporanee di assestamento nei primi giorni. Ovviamente faremo il possibile per limitare i disagi e per dar corso alle richieste più urgenti, contando sulla collaborazione di tutti, incluse le nostre Società operative, le ex municipalizzate.

Condividi:
adv-681
Commenti
Leggi Anche: