Condividi:

Il Ponte della Libertà di Pavia si tinge di viola

Venerdì, 18 Maggio 2018 - 12:00 Redazione Notizie

PAVIA – Il 19 maggio si celebrerà il World IBD Day – Giornata Mondiale delle malattie infiammatorie croniche dell’intestino (MICI) – e i monumenti di 40 città italiane, come quelli di altri 50 paesi nel mondo, saranno illuminati di viola (colore simbolo di queste patologie) per sensibilizzare e informare l’opinione pubblica sulla condizione delle persone che convivono con la malattia di Crohn e la colite ulcerosa.

Per l’occasione AMICI Onlus, Associazione nazionale da oltre trent’anni impegnata nella difesa e nella rappresentanza delle persone con Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino e dei loro familiari, organizza a Roma un convegno dal titolo “GIORNATA MONDIALE IBD – AMICI 2.0 EVOLUTION” per confrontarsi con i maggiori esperti nazionali nella cura di queste patologie.

adv-266

Durante il convegno saranno forniti degli importanti consigli su diritti nel mondo del lavoro e invalidità.

Si parlerà inoltre di comunicazione medico-paziente con Emanuela Mazza, docente in corsi per medici sulla comunicazione efficace all’Università Cattolica del Sacro Cuore. Grazie alla partecipazione dello chef Fabio Potenzano e della nutrizionista Daniela Nitto saranno proposti dei piatti più indicati per i pazienti affetti da queste patologie.

Nel corso dell’appuntamento verrà dato spazio alla nuova campagna di sensibilizzazione #VorreiCheilMioMedicoSapesseChe.

AMICI Onlus, ha deciso di lanciare questa nuova iniziativa proprio per rompere le barriere che spesso si creano tra medico e paziente, dando ai pazienti la possibilità di esprimere le proprie emozioni, raccontando con una breve frase quello che spesso non si ha possibilità, tempo o coraggio di dire durante una visita.

Un modo innovativo di coinvolgere non solo gli associati di tutta Italia, ma chiunque sia colpito da queste malattie che potrà, anche in forma anonima, dare il proprio contributo, avanzare richieste, trasmettere sensazioni, paure o ansie, spesso non esternate per timidezza o paura.

Direttamente dalla home page dell’associazione www.amiciitalia.eu/ si può accedere alla sezione che raccoglie le domande.

Cinque milioni di persone nel mondo e circa 200.000 in Italia soffrono di una malattia infiammatoria cronica dell’intestino e i numeri sono destinati a crescere nei prossimi anni. Le MICI, caratterizzate dall’impatto fortemente negativo sulla vita quotidiana e dalla compromissione della sfera relazionale dei pazienti, sono vere e proprie malattie sociali che causano spesso disabilità e condizioni invalidanti.

L’Associazione nazionale AMICI onlus, con sedi in 15 regioni, è costituita da persone affette da Colite Ulcerosa o Malattia di Crohn e dai loro familiari. Comitati di medici specialisti affiancano l’associazione sulle tematiche medico sociali e coordinano le iniziative di studio e di ricerca a carattere più strettamente medico-scientifico.

L’associazione intende garantire un più sereno inserimento nell’ambito familiare e sociale ad ammalati cronici la cui condizione poco conosciuta dall’opinione pubblica alla legislazione sociale

Condividi:
adv-958
Commenti
Leggi Anche: