Condividi:

Bando Volontariato: Oltre 130mila euro in progetti per la provincia di Pavia

Venerdì, 9 Marzo 2018 - 1:44 Redazione Notizie

PAVIA – Sono 79 i progetti finanziati, in regione, dal Bando Volontariato 2018, promosso da Comitato di Gestione del Fondo Speciale, Centri di Servizio per il Volontariato della Lombardia (CSVnet Lombardia), Regione Lombardia e Fondazione Cariplo. Oltre 130mila euro in progetti sono stati destinati alla provincia di Pavia.

In provincia di Pavia ne sono stati finanziati tre:
“Vallone social crew” (“Ciurma sociale del Vallone”) capofila Auser Comprensoriale di Pavia intende principalmente fare leva sui rapporti tra le persone residenti e su quelli tra i residenti e i luoghi, attraverso il coinvolgimento della popolazione nell’animazione degli spazi e nell’azione dei partners, con l’obiettivo di compiere un’azione di manutenzione civica capace di creare nuovi legami sociali, di fare di sconosciuti una “ciurma sociale” a bordo dello stesso quartiere, di attivare una cultura e una coscienza civile solidaristica e di attivare processi di empowerment nelle persone e nel territorio. Tra le azioni sono previste attività laboratoriali e di animazione, che punteranno anche alla rifunzionalizzazione di spazi sottoutilizzati per finalità collettive, oltre che alla messa in evidenza dei punti di forza del quartiere agli occhi dei residenti stessi e dei cittadini pavesi in generale. Verrà sollecitata la partecipazione attiva della popolazione, con attenzione a quella giovanile, nel coinvolgimento in attività di volontariato, con un approccio che valorizzi il processo di learning by doing perseguito attraverso attività laboratoriali e che attivi processi di empowerment su tre livelli: personale, attraverso l’acquisizione di competenze e della consapevolezza critica del loro ambiente sociale, politico e culturale, organizzativo, di un gruppo in cui ci si sente coinvolti attivamente e responsabili di ciò che accade, di comunità, attivandosi nei confronti delle strutture sociali e sviluppando la capacità di incidere sulle trasformazioni. Finanziato per 39mila euro.

adv-617

Il Progetto “Ricostituente” promosso da La Barriera di Vigevano, costruisce il suo cardine sul concetto di “Cittadinanza Attiva”, individuato come indispensabile per ri-costituire un tessuto sociale autentico in una Città segnata da forti fenomeni di separatezza, indifferenza, disinteresse così come cerchiamo di spiegare nella descrizione del “contesto”. La Barriera – oggi si parla molto di “sicurezza”, ma questa si costruisce solo partendo dalla Comunità, nella coscienza di diritti e di doveri, nel rispetto delle differenze e con un ’assunzione di responsabilità individuale. Abbiamo pertanto individuato attraverso un percorso di “governance” progettuale (che intende tra l’altro essere propedeutico alla costruzione di una autentica “Cabina di Regia” di tutte le sue fasi), il tema di “Impariamo, pratichiamo, diffondiamo la Costituzione Italiana”. Verranno individuati nel contempo i “Luoghi della Memoria” cittadini riconducibili ai valori della Costituzione, come tema centrale di tutta l’articolata iniziativa proposta.- Finanziato per 49500 euro.

Il terzo progetto “Borgo attivo” è stato proposto da AINS Pavia, partendo dai bisogni emersi da una precedente mappatura, intende allargarsi ed estendersi sul territorio cittadino, puntando al coinvolgimento della comunità, in particolare del Borgo Ticino, rendendola partecipe nelle varie fasi di un percorso ideato nel rispetto delle culture, nella promozione della solidarietà e nella valorizzazione della cultura materiale e immateriale del Borgo Ticino, quali elementi identitari, dalla cui condivisione partire per “fare insieme”. Il progetto si articola in attività che intendono dare risposte concrete ai cittadini bisognosi e fragili come lo sportello di counseling infermieristico e l’organizzazione di un gruppo del dono, ovvero una libera associazione di cittadini che raccolga articoli per chi ne abbia necessità; attività di animazione e inclusione sociale, come i laboratori di narrazione che hanno bisogno della collaborazione e partecipazione attiva dei “portatori” di memoria per potersi attuare e la valorizzazione della storia e della cultura quale elemento identitario e nello stesso tempo pretesto per far lavorare insieme gruppi di persone eterogenee intorno
all’organizzazione di un grande evento per la cittadinanza. Finanziato per 42900 euro.

Il Bando Volontariato promuove e rafforza la realizzazione di progetti in rete attuati dalle organizzazioni di volontariato e finanzierà esperienze di cittadinanza attiva in grado di promuovere il protagonismo dei cittadini nella presa in carico dei problemi della comunità per l’interesse generale. In particolare, promuove la loro capacità di diventare animatrici di una nuova socialità, luoghi di partecipazione responsabile delle persone soprattutto dei giovani, soggetti attuatori in grado realizzare interventi a favore delle persone e della comunità, enti partner autorevoli nei luoghi della programmazione e della progettazione sociale.

Il bando eroga complessivamente sul territorio lombardo 3.300.000 euro di cui 2.300.000 euro provenienti dal Fondo Speciale per il Volontariato, istituito dalla Legge quadro sul volontariato n.266/91 e alimentato dai proventi delle fondazioni di origine bancaria, e 1.000.000,00 messo a disposizione da Regione Lombardia.

Complessivamente sono stati presentati 219 progetti, per una richiesta totale di 8.963.645,68 euro. Ora per le associazioni che hanno ottenuto il finanziamento prende avvio la fase di realizzazione dei progetti che si concluderà con la fine del 2019.

Condividi:
adv-486
Commenti
Leggi Anche: